Infographic: Italian Pronouns

Italian Language Students have a nightmare, and this nightmare has a name: pronomi. We have already seen how misusing them can generate, in the worst case scenario, embarassing puns, but italian pronouns are also one of the main constituent of an italian sentence, being used quite often by natives even in marked constructions (such as l’hai preso il pane? in which the pronoun lo stands for pane). Now, you can learn all this and more by joining of our Italian Language Courses, but why not getting an early start?

So here’s an infographic about italian pronomi and their use and position. Enjoy, leave a comment and please share!

pronomi

Read the original article on Kappa Language School’s website.

Advertisements

What to look for in a language school

Hello again! This weeks article is about what to look for in a language school. As someone who went to a language school to learning Italian, I can say that I have some experience with this. I’m talking about going to a different country and learning through immersion as well as taking a class. There are multiple benefits to this, because you aren’t learning just the language, you are learning the culture, which is very important. So for those of you who may be looking for a language school but aren’t sure which one to pick, here you go! This is what to look for in a language school.

Small classrooms

lezione02.jpgSmall classrooms are great, because not only does that mean smaller class sizes and less people, it also means that you can really get to know the people around you. If you make friends with your classmates you can go out and practice the language together. And for those of you who are shy at first, getting to know you classmates can help you not feel as scared to answer a question the teacher poses at the class. It’s also better for one-on-one questions with your professor before and after class because there won’t be a huge crowd waiting to talk to them.

Native speaker teachers

If you are in a classroom with a teacher that speaks the language as a mother tongue, you are golden. Not only will they make sure that you are pronouncing words correctly, they also know the language in a way that you can’t. They are the key that unlocks your ability to speak like a native, so this bullet is an important one. Also you can get special help, for example, when I went to the Kappa Language School here in Rome, my teacher and I would meet in the classroom about an hour before class, and I would read out loud in Italian. Not only did this help my pronunciation, it also gave me new vocabulary to study and reinforced the things that I was learning.

Teachers that actually care about your progress

DSC_0509.jpegI can even use the example from the bullet before for this one. My teacher spent and hour everyday, of his own time, to listen to me butcher his language while I read The Lightning Thief in Italian. He didn’t have to do that, but he put in the extra effort because he wanted me to succeed. You want to find a school with teachers like that. He became a good friend, and that’s another benefit, you can make friends with your teachers. In addition to that, if you have a teacher who is excited to teach, then you will be excited to learn. And on those cloudy days, when everything seems grey and you don’t want to come in to learn, because you feel like you aren’t getting any better, they are more then willing to help you cheer up and show you how far you have come.

The School organizes outings and events

Bohemien2Okay, now this one is pretty important too. If the school organizes events and trips, it really shows that they are trying to get you immersed in the language. They want to show you their culture and to practice not only with the natives, but also the other students who are in more advanced classes. You can see your progress when you talk to the people who are in less advanced classes, and that is encouraging, because it really shows you the progress you’ve made and how far you have come from the beginning. It’s usually a good environment and you make friends with people you didn’t know before and have a great time with people who have the same goal as you.

Alright, that’s the tips that I have. You want to make sure you find a school that fits you, and for me, these are the things that I looked for. If you have anything else you think I’ve missed or have a suggestion, please comment below!

Read the original article on Kappa Language School’s website.

10 Very Innocent Italian Words You Need To Use Carefully

Every language has its own puns and double meanings, but for language students it is always tricky to find out when they are accidently embarassing themselves by using innocent words in inappropriate contexts.
Here’s a list of 10 very innocent Italian Words you might want to use carefully while you’re in the process of learning italian:

Patata /pa’tata/

patata

First of all: in Italian, kitchen is the Pun Kingdom. Many words indicating vegetables or food can be misinterpreted by the listener as (not so) subtle allusions to NSFW content. The most common of these words is definitely patata (no need for translation), which is commonly used as a nickname for female private parts. So take care when you’re cooking and ask someone “dammi la patata“, for you might get slapped.

Pisello /pi’sɛllo/

pisello

The counterpart of patata is pisello (pea), which can be used, especially in children’s language, to designate penis. It is not that bad as a foul word, and it is actually preferrable to other puns referred to the same body part. Nevertheless, using it improperly can cause more than an embarassment in the kitchen!

Carciofo /kar’ʧɔfo/

carciofo

Let’s stay inside our Italian Kitchen and let’s take into consideration a word, carciofo (artichoke) which can be easily used as an insult. A carciofo is a very naive person, not totally stupid but definitely prone to be duped and conned.

Finocchio /fi’nɔkkjo/

finocchio

This is very bad, and you should learn the double meaning of this word just to be sure you never use it in the wrong context. The term finocchio (fennel) is in fact used all over Italy to unflattering address homosexual people. Yes, we know Italian can be a sciovinist language, but we’re trying to change!

Anno /’anno/

anno

It is very common for foreign students to encounter problems in pronouncing double consonants. That is because not all languages have these phonemes in their “library”. Most of the times mispronouncing a strong consonant does no harm, but in some cases this can be utterly akward: it’s the case of the word anno (plural anni, years) which, when pronounced with just one /n/ sounds like…. well, let’s just say that listening to someone who states that he or she has “25 ani” can be hilarious to an Italian native. If you don’t know this word, looking it up is probably best before you get yourself in trouble.

Scopare /sko’pare/

scopare

Italian is such a wonderful language that it turns the tiresome and unpleasant action of sweeping (scopare) into the most enjoyable activity of all! That said, “scopare per terra” (literally “sweeping the floor”) is a pun from which no one can flee, nor foreigners or Italians.

Poppa /’poppa/

poppa

If you’re not a sailor, this word can mean something utterly different from “the rearmost part of a ship or boat”. But maybe you’re thinking too dirty, since Italian poppa has nothing to do with poop; it is, instead, a slang for “breast”. It sounds also onomatopoeic somehow…

Sega /’sega/

sega

From the boat we move on directly to carpentry: Italian sega (literally “saw”) it is often used as an insult, equivalent to the english word “moron”, or “idiot”. Abused in stadiums by football fans, the expression mezza sega usually refers to a player whose skills are not that oustanding.

Pacco /’pakko/

pacco

Exactly like the sailor and the carpenter, the mailman can be in trouble too sometimes. The word pacco is often used to designate the groin, both in males and females. This pun, although it doesn’t sound that elegant, has been used in commercials and comedies, but we definitely not encourage you to do the same.

Lo/La

lo-la

And finally, behold the king of all puns: the third person direct pronoun which, if used without an antecedent, means exactly that. This is why you should always listen to you Italian Language Teacher when he lectures you about the importance of pronouns in Italian, and this is also why you should always pay attention to what you are referring to when using a pronoun. Asking someone “me la dai?” with no clear reference to an object can be interpreted as sexual harassment, as well as wondering “non so dove metterlo“, where that lo doesn’t refer to anything near you, can mean that you are very lonely.

Read the original article on Kappa Language School’s website.

Intervista alla Dott. ssa Maria Fusco

L’intervista a una delle nostre docenti, Maria. Enjoy! 😀

Learn Italian

mariafusco

1. Raccontaci un poco di te (istruzione, occupazione, esperienze significative, ecc.) 

Mi sono laureata nel 2003 alla Federico II di Napoli in Lettere Classiche con una tesi in Glottologia. Sono stata sempre affascinata dalle lingue, da quello che hanno in comune e da ciò che le distingue.

Dopo la laurea ho scelto di seguire un dottorato in Semiotica e Filosofia del linguaggio presso l’Università degli Studi di Siena, che mi ha permesso di acquisire una visione più teorica sul linguaggio e su quegli elementi che fanno di una lingua una lingua (in questo senso le letture più approfondite di Tullio De Mauro sono state di un’importanza fondamentale per la mia formazione).

Con questa esperienza alle spalle, e con la voglia di trovare uno sbocco più pratico e più immediato a quello che avevo imparato durante gli anni accademici, mi sono iscritta a un corso per insegnare l’italiano come lingua seconda.

View original post 720 more words

Il lungometraggio: didattizzazione e utilizzo nel contesto di una classe di Italiano L2 – Terza e ultima parte

Some pics from our workshop

Some pics from our workshop

This is the third and last part of the transcription of our speech at the workshop Le parole sono importanti, organized by our friends from Happy Languges and hosted by our school on July, 28th 2014. We are confident it can provide some useful guideline to those, Italians or foreigners, are willing to implement the use of movies in their teaching method. The transcription is, of course, in Italian, but you can contact us and request a translation.

(clicca qui per leggere la seconda parte)

4. (continua da) Costruzione dell’unità didattica ed esempio di didattizzazione

Quando l’operazione di trascrizione per le scene selezionate sarà ultimata, potrà avere inizio il lavoro di didattizzazione vero e proprio. Ogni scena costituirà il testo base per un’unità didattica, e tutte le scene (per loro natura semanticamente coerenti), assieme ad una fase introduttiva di motivazione alla visione del film e ad una fase conclusiva di sintesi, costituiranno il modulo didattico nella sua interezza, che perciò avrà una struttura di questo tipo:

Lezione 1: motivazione e visione del film
Lezione 2: unità didattica 1
Lezione 3: unità didattica 2

Lezione n: sintesi

Si noti che, volendo ricondurre la struttura del modulo a quella di un’unità didattica classica, le unità basate sulle singole scene costituiranno latu sensu la fase di analisi del film, pur essendo a loro volta tripartite nella comune struttura globalità-analisi-sintesi del metodo comunicativo. A tal proposito si veda la dispensa 1, che riporta un canovaccio di lavoro per la didattizzazione del film Mine vaganti.

Prima di lavorare sulle singole scene, dunque sarà opportuno curare la fase introduttiva, o di motivazione, che precederà la visione integrale e immediata del film in classe. Ovviamente, la complessità e la profondità della fase di motivazione dovranno essere coerenti con il livello degli apprendenti a cui verrà somministrato il modulo. Come risulterà evidente dalle dispense 2 e 3, rispettivamente tratte da moduli didattici basati sui film Manuale d’amore (destinato ad apprendenti di livello A2) e Basilicata coast to coast (destinato ad apprendenti di livello B2), questa fase può prendere le mosse da elementi di base quali il titolo del film oppure, in caso di un pubblico di discenti con competenze più avanzate, da una sequenza introduttiva (ad esempio un breve monologo, come nel caso in oggetto) arricchita da testi di facile comprensione che introducano uno o più dei messaggi culturali veicolati dal film. A tale fase, che può avere una durata variabile e che dunque può configurarsi pure come unità didattica distinta (come nel caso di Basilicata coast to coast), seguirà come detto la visione integrale del film. È di fondamentale importanza che si tratti di una fruizione immediata, cioè non appesantita da supporti didattici, affinché lo studente sia esposto alla globalità del testo senza interferenze. Obiezione comune è che sarà inevitabilmente difficile, per uno studente di livello medio-basso, seguire l’intero lungometraggio senza perdere fondamentali porzioni di significato e dunque il filo narrativo; la risposta più sensata a tale obiezione è che questa eventualità deve essere presa in considerazione dal docente all’atto della scelta del film e del profilo di apprendenti ai quali quest’ultimo dovrà essere destinato. Inoltre, occorre ricordare che la comprensione richiesta da una visione globale del film è di carattere del tutto generale e riguarda più che altro gli aspetti salienti della trama, per cui si avrà cura, come detto, di selezionare dei lungometraggi la cui trama sia lineare e il cui messaggio sia veicolato non solo dalla lingua, ma pure dagli altri significanti del testo filmico (elementi visuali, ambientazione, musiche).

Quanto alla costruzione di unità didattiche attorno alle singole scene, si procederà rintracciando dapprima gli elementi grammaticali (mediante la mera conta delle occorrenze), quelli lessicali e quelli comunicativi presenti in ogni testo. Una volta evidenziati ed isolati i suddetti elementi, si avrà buon gioco nello strutturare un’unità classica basata sulle tre fasi (globalità-analisi-sintesi), come illustrato nelle dispense 4 e 5, rispettivamente unità didattiche costruite su uno degli episodi di Manuale d’amore (livello A2) e su una scena del film Mine vaganti (livello B1\B2). Si procederà perciò come segue:

  • breve fase di motivazione che riprenda gli elementi narrativi del film o introduca quelli particolari della scena in fase di studio;
  • visione globale della scena;
  • comprensione della scena con attività classiche (domande a risposta chiusa, domande a risposta aperta, incroci, esercizi di completamento);
  • comprensione del lessico;
  • analisi grammaticale;
  • analisi comunicativa;
  • sintesi (produzione di un testo, roleplay) e riuso.

Nel caso di studenti di livello avanzato, si potrà senza dubbio arricchire la fase di sintesi con ulteriori input testuali che chiariscano alcuni aspetti lessicali, comunicativi o culturali incontrati durante l’unità didattica (si veda, in tal caso, la dispensa 6, sempre tratta dalla didattizzazione di una scena di Basilicata coast to coast).

La fase di sintesi, ultima e fondamentale unità costitutiva del modulo, avrà il compito di chiarire allo studente gli elementi culturali veicolati dal film e, inoltre, gli offrirà la possibilità di esercitarsi nella produzione esprimendo le proprie opinioni sul film e analizzando le caratteristiche dei vari personaggi. La fase di sintesi può essere condotta come una vera e propria unità didattica, partendo perciò da un testo e innestandovi una serie di attività che sintetizzino le competenze (soprattutto culturali) acquisite durante il modulo, oppure, più appropriatamente, come una lezione di conversazione che prenda le mosse da una lettura di un testo di critica, come quelli in dispensa 7 sul film Basilicata coast to coast. È possibile inoltre proporre degli esercizi di riepilogo sui protagonisti del film, mettendone in evidenza i tratti caratteriali salienti ed il loro ruolo nella storia (come proposto dalle attività in dispensa 8, relativa nuovamente al film Mine vaganti).

Read the original full article on Kappa Language School’s website.

Il lungometraggio: didattizzazione e utilizzo nel contesto di una classe di Italiano L2 – Seconda parte

Some pics from our workshop

Some pics from our workshop

This is the second part of the transcription of our speech at the workshop Le parole sono importanti, organized by our friends from Happy Languges and hosted by our school on July, 28th 2014. We are confident it can provide some useful guideline to those, Italians or foreigners, are willing to implement the use of movies in their teaching method. The transcription is, of course, in Italian, but you can contact us and request a translation.

(clicca qui per leggere la prima parte)

3. Esempi di materiale disponibile in commercio sull’uso dei lungometraggi nell’insegnamento dell’italiano a stranieri.

All’interno della pur povera offerta di testi che presentano materiale filmico didattizzato, si è pensato di operare una selezione per estremi opposti, che evidenzi gli elementi di debolezza di quello che secondo noi è il testo che più si distanzia dal format ideale e i punti di forza del manuale che invece ci pare vi si avvicini di più.

  • Cristina Maddoli, L’italiano al cinema, Guerra edizioni, 2008

Elementi di debolezza: si fa menzione del target solo a pag. 16; i testi sono tratti dalla sceneggiatura e non dalla trascrizione dell’audio (differenza, come vedremo in seguito, cruciale); l’intero volume sembra impostato più che altro come una guida per madrelingua esperti del settore; l’analisi testuale è condotta su poche scene; le attività non sono adeguate o addirittura mancano; la mole di riflessione critica ed estetica è francamente debordante e relega l’attività linguistica e culturale destinata agli apprendenti stranieri a ruolo di appendice.

  • Paolo Balboni (a cura di), Quaderni di cinema italiano per stranieri, Guerra edizioni – Es. La prima cosa bella di Paolo Virzì, febbraio 2014, livello B2/C1

Elementi di forza: il volume si pregia di una buona fase di motivazione, che stimola gli studenti a fare ricorso alle loro conoscenze pregresse; le attività sono costruite sui dialoghi recitati e non sullo script; si presta una grande attenzione all’analisi lessicale, attraverso attività adatte al livello di conoscenza dell’italiano richiesta (es. analisi delle caratteristiche del toscano rispetto all’italiano standard); è riconosciuta la giusta importanza all’aspetto socioculturale, con attività che stimolano una riflessione sul ruolo della figura materna in Italia.

Di seguito, una breve bibliografia dei testi dedicati all’insegnamento dell’italiano a stranieri mediante lungometraggi:

Aiello R., Lorenzotti A., Cinema Italiano: cortometraggi d’autore con sottotitoli, Firenze, Alma edizioni, 2009
Balboni P. (a cura di), Quaderni di cinema italiano per stranieri, Perugia, Guerra edizioni, 2003
Celentin P., Triolo, R., Audiovisivi, intercultura e italiano L2, Venezia, Laboratorio Itals, 2005
Costantini L., Tomassini P., Montesi A., Per un pugno di corti: l’italiano attraverso i cortometraggi, Perugia, Guerra edizioni, 2008
Diadori P., Cinema, apprendimento della L2 e pragmatica transculturale, Milano, Fondazione ISMU, 2007
Diadori P., Micheli P., Cinema e didattica dell’Italiano L2, Perugia, Guerra edizioni, 2010
Maddoli C., L’italiano al cinema, Perugia, Guerra edizioni, 2008

4. Costruzione dell’unità didattica ed esempio di didattizzazione

I due elementi da tenere in considerazione per l’individuazione del film da didattizzare sono:

  • il messaggio culturale del film (che costituirà lo scopo globale del modulo);
  • la struttura del lungometraggio, nella valutazione della quale occorrerà tenere conto di caratteristiche quali la divisibilità in macrosequenze, la struttura narrativa (ad episodi, a cornice, a flashback o a flashforward ecc.), la linearità della trama ecc.

Una volta selezionato un lungometraggio, è d’obbligo adoperarsi in una visione ragionata dello stesso. La tecnica più proficua in tal senso è quella di sottoporsi, al pari di quanto verrà richiesto agli studenti, ad una visione globale del film, durante la quale il docente avrà cura di individuare con maggiore precisione gli elementi culturali in esso contenuti e di evidenziare un numero limitato di scene (intese come sequenze semanticamente compiute) di particolare interesse grammaticale e comunicativo sulle quali si intende operare la didattizzazione. Di tali scene egli sarà obbligato, in un secondo momento, ad approntare una trascrizione fedele (completa, cioè, di segnali fatici, riprese e interruzioni, inserti dialettali ecc.). Questo procedimento, senz’altro meccanico e fisicamente stancante, risulta indispensabile in quanto le sceneggiature, pur facilmente reperibili, risultano inadatte allo scopo. Ciò appare evidente per due motivi:

  1. la sceneggiatura nasce e si sviluppa come testo scritto, mentre al docente interessa il testo complesso costituito dal film (o dalla scena) nel suo insieme, che senz’altro prende le mosse dalla sceneggiatura ma la arricchisce e si arricchisce di contenuti (dati dalla mimica, dal contesto deittico, dalla prossemica ecc.) che nel medium scritto sono espressi, nel migliore dei casi, in maniera affatto parziale;
  2. raramente la sceneggiatura è fedele al recitato, sia da un punto di vista morfologico e sintattico (la piccola modifica di un pronome, operata da un attore in fase di recitazione, può risultare cruciale nel contesto di una lezione di italiano L2), sia dal punto di vista della variazione diatopica e diafasica (sono frequenti inserti dialettali e gergali o fenomeni di code-switching o code-mixing che scaturiscono dalla libera interpretazione del recitante).

Compito del docente in questa fase sarà anche quello di precisare, in base alla lingua (o alle variazioni linguistiche) contemplate dal film selezionato, il livello di apprendenti a cui intende destinare il modulo didattico. Concezione comune è che un film, in quanto unità semantica complessa, sia un tipo di testo adatto solo ad apprendenti di livello medio-alto; ebbene, quantunque sia chiaro che la comprensione del messaggio e lo studio delle forme espressive propri di un lungometraggio risultino senz’altro più agevoli per apprendenti con un livello di competenza avanzato, esistono strategie che possono permettere allo studente principiante di avvicinarsi a questo medium senza traumi e con profitto.

(continua)

Read the original full article on Kappa Language School’s website.

Il lungometraggio: didattizzazione e utilizzo nel contesto di una classe di Italiano L2 – Prima parte

Some pics from our workshop

Some pics from our workshop

This is the first part of the transcription of our speech at the workshop Le parole sono importanti, organized by our friends from Happy Languges and hosted by our school on July, 28th 2014. We are confident it can provide some useful guideline to those, Italians or foreigners, are willing to implement the use of movies in their teaching method. The transcription is, of course, in Italian, but you can contact us and request a translation.

Molto si è detto circa l’importanza delle nuove tecnologie come ausilio all’attività didattica nell’insegnamento delle lingue straniere. Nonostante ciò, ci pare che uno dei media più tradizionali tra quelli offertici dalla cosiddetta “modernità” venga talvolta trascurato o usato impropriamente. L’utilizzo del video proposto dai manuali di Italiano L2\LS appare difatti ancora strettamente legato alla vetusta concezione di “medium didattico”: scarsa sembra la diffusione di testi audiovisivi autentici didattizzati, e pure laddove vi sia una (pur scarna) proposta in tal senso, non è inusuale ravvisare limiti sia teorici che metodologici, tanto nell’individuazione dei materiali autentici quanto nella presentazione delle unità didattiche. S’impone dunque la necessità di dare seguito alle riflessioni già proposte da eminenti glottodidatti quali Paolo Balboni (autore della collana Quaderni di cinema), Nuccia De Filippo, Loredana Chiappini e Roberto Tomassetti (relatori di un seminario organizzato recentemente dalla scuola “Torre di Babele”, dal titolo Contesti italiani: alla scoperta di lingua e cultura attraverso i generi testuali), al fine di colmare la distanza che intercorre tra la perizia metodologica raggiunta dalla glottodidattica moderna circa l’utilizzo delle nuove tecnologie (ipertesti, dvd interattivi etc.) e quella necessaria all’adozione di materiale filmico, inteso in particolare nella sua forma di lungometraggio, nel contesto della classe L2. A tale scopo si tenterà di tracciare alcune generalissime linee guida, nella speranza che esse risultino profittevoli sia sul piano teorico sia, soprattutto, dal punto di vista metodologico. A supporto delle suddette riflessioni si tenterà inoltre di fornire alcuni esempi di didattizzazioni svolte e già utilizzate con successo in classi di Italiano L2 di vari profili.

1. Importanza del video nell’insegnamento dell’italiano a stranieri.

Due sono le ragioni che sanciscono l’importanza del materiale filmico nel contesto di una classe d’italiano L2:

  • il video fornisce esempi di interazioni che si svolgono in un contesto chiaro agli apprendenti, i quali conoscono il rapporto che intercorre tra i personaggi, il livello di formalità, gli obiettivi comunicativi. Ciò si verifica in particolar modo nel caso dei lungometraggi, in quanto gli studenti hanno modo di conoscere i protagonisti della storia e di acquisire dunque un bagaglio di conoscenze che li aiuterà anche nella fase di analisi linguistica dei dialoghi. Un ulteriore ausilio è dato dalle componenti non verbali del film: le immagini, mostrando i gesti, la mimica del corpo e le posizioni dei parlanti, consentono all’apprendente di avere un’idea ancora più chiara della situazione comunicativa.
  • il video offre esempi di conversazioni tra parlanti di diversa estrazione sociale e provenienza geografica, il che a livelli alti consente di sviluppare una riflessione sulle varietà regionali, sui dialetti e sulle caratteristiche dell’italiano colloquiale. Il docente dovrà operare una scelta degli obiettivi comunicativi da raggiungere e preparare attività mirate.
2. Selezione del materiale da utilizzare.

Una scelta consapevole deve tenere conto non solo del livello di conoscenza dell’italiano degli apprendenti, ma anche del loro bagaglio culturale, dei loro interessi e degli aspetti linguistici che si desidera mettere maggiormente in luce. Da questo dipenderà anche la scelta delle attività da proporre nell’ambito delle unità didattiche costruite intorno al film. Ad esempio, a livelli alti la scelta del film non sarà dettata esclusivamente da ragioni linguistiche ma anche dalla volontà di ampliare il bagaglio di conoscenze socioculturali degli apprendenti e di stimolare il confronto interculturale.

(continua)

Read the original full article on Kappa Language School’s website.