Not just Venezia: where to celebrate “Carnevale” in Italy

The history of Carnevale is long and interesting, and in fact it has its roots in the ancient times, when, during, feasts like the Saturnalia in the Roman age or the Dionysia for the ancient Greeks, common people had the occasion, for just one day, to switch their social roles with the dominant class. As for the term, it directly descends from the late latin CARNE LEVAMEN, indicating the last night during which meat could be consumed before Lent.

As you can see, the whole concept of Carnevale is deeply rooted in the Italian territory and Italian Language and Culture, hence the presence of a flourishing and multi-colored tradition all along the Belpaese (and its main island).

Carnevale di Acireale (Sicilia)

carnevale di acireale barocco

Not only music and parades but also delicious traditional food! All this in the stunning scenario of one of the gems of the Sicilian Barocco.
Traditional mask: Abbatazzu.

Carnevale di Cento (Ferrara) - Carro allegoricoCarnevale di Cento (Emilia Romagna)

Huge floats (up to 20 meters!), spectacular parades and the tradition of the gettito (basically a public giveaway of gifts and gadgets thrown from the carnival floats) are the main features of this carnival, which is also twinned with the Rio de Janeiro celebration.
Traditional mask: Tasi, which is burned on the last day of celebrations.

Landzette carnevale coumba freidaCarnevale di Coumba Freida (Valle d’Aosta)

Held in a francophone territory, the “carnival of the cold valley” commemorates the passage of Napoleonic soldiers represented in traditional dressings and wooden masks.
Traditional mask: Landzette.

musica arabita fano carnevaleCarnevale di Fano (Marche)

The most ancient carnival in Italy (and one of the most ancient in Europe), the first edition of this feast dates back to 1347. Just as in Cento, the getto is the main event here, together with a very unusual concert of Musica Arabita, played (just like Einsturzende Neubauten would have done!) with cutlery and tin cans.
Traditional mask: Vulon

carnevale di ivrea battaglia delle aranceCarnevale di Ivrea (Piemonte)

This carnival is actually the commemoration of a very particular rebellion against the tyranny of the ius primae noctis, which is allegorically set about with oranges thrown by the crowd.
Traditional masks: il Tiranno and Violetta la Mugnaia.

madonna di campiglio carnevale asburgicoCarnevale di Madonna di Campiglio (Trentino Alto-Adige)

The wonderful scenario of the Dolomiti is the set of this princely celebration which derives directly from the Asburgic Carnival (still celebrated in Austria).
Traditional masks: Princess Sissi and Francesco Giuseppe.

carnevale di mamoiada mamuthones e issohadoresCarnevale di Mamoiada (Sardegna)

One of the most characteristic carnivals of the country, this celebration focuses on the folkloristic characters of Mamuthones and Issohadores, in an allegoric representation of the life of shepherds. Dressing up Mamuthones is an event by itself, since they have to carry on their backs up to 30kg of cowbells!
Traditional masks: Mamuthones and Issohadores.

meneghino-la-maschera-simbolo-del-carnevale-ambrosiano1Carnevale di Milano (Lombardia)

Celebrated right after all the other carnivals have ended, this feast actually starts on the Mardi Gras and goes on for a whole week, commemorating S. Ambrogio and his pilgrimage.
Traditional mask: Meneghino.

carnevale_putignano carro allegoricoCarnivale di Putignano (Puglia)

From far north to far south, this carnival, besides being of the Europe’s first, is also a fierce contest between renown masters of papier-mache. Starting from January, 17th (feast of S. Antonio Abate), every Thursday is focused on a satirical representation of one particular social class, sparing literally no-one, not even the cornuti (husbands who have been cheated).
Traditional mask: Farinella.

venezia-maschere-carnevaleCarnevale di Venezia (Veneto)

And here we are: this is probably the most famous carnival in Italy, a succession of parades and events in the majestic scenario of a city lost in time. No further comment needed!
Traditional mask: Baùta.

danza_del_dragoCarnevale di Viareggio (Toscana)

Arguably second only to Venezia in terms of fame, this carnival is characterized by huge allegoric floats of papier-mache. The position of Viareggio, easily reachable and very close to landmarks such as Firenze and Pisa, brings thousands of tourists every year to the parades.
Traditional mask: Burlamacco.

And what about Rome?

The Eternal City doesn’t host a historical carnival, but you can find several events scattered all over the city, especially during the night of Mardi Gras and Jeudi Gras. Check out this year’s event here and don’t miss our Carnival party tonight!

Read the original article on Kappa Language School’s website.

 

Advertisements

“Cosa ti ha colpito di più dell’Italia?”

E’ quello che abbiamo chiesto ai nostri studenti di Italiano di livello B2, sperando che loro notassero aspetti della cultura italiana che noi nativi, anestetizzati dalla routine culturale, non siamo più in grado di evidenziare. Le risposte, a volte, sono sorprendenti! 😀

Italian Language Class - B2 levelDell’Italia mi hanno colpito tante cose. Ho visto che la gente si salutava con i baci, anche fra maschi e fra femmine.

L’altra cosa è quando ho visto il traffico, le persone non sono gentili. Non hanno pazienza, suonano il clacson e sempre usano il cellulare quando guidano.

La terza cosa che mi ha colpito è il cibo. Prima di venire in Italia non avevo mai visto così tanti tipi di formaggi e affettati freschi. E’ proprio vero che il cibo italiano è buonissimo come si dice nel mondo.

Joanna (Malesia)

Una cosa che mi ha colpito durante il mio soggiorno in Italia è il suono “boh” che a quanto pare è veramente fondamentale nel discorso italiano. Ho cercato una definizione su internet e risulta che la traduzione più semplice all’italiano “ufficiale” sarebbe: “non lo so”. Mi sembra un’espressione divertentissima e unica.

Ben (Inghilterra)

A cena fuori per praticare l'italiano!Una cosa strana è quando l’inverno le donne italiane mettono sopra il cappotto pesante e sotto mettono le calze leggere. Per me questa abitudine è strana, perché se hai freddo dovresti mettere i vestiti pesanti sia sopra che sotto.

Un’altra cosa che mi ha colpito molto è il saluto, perché [gli italiani] si baciano per salutare, sia la donna che l’uomo. Questa abitudine per noi cinesi è un po’ strana: i cinesi si stringono la mano.

Jing Xing (Cina)

Una cosa che mi ha colpito quando sono venuta in Italia è vedere i belli campi di girasole in Toscane. Il bel paesaggio lì è veramente qualcosa di particolare e stupendo, mai visto.

Evelyn (Brasile)

Read the original article on Kappa Language School’s website.

A map of Italian cinema classics, region by region

I just found this map on the internet and thought it is very stimulating, especially if you consider that the most productive regions (Lombardia, Emilia Romagna, Lazio and Sicilia above all others) seem to work with genres that are seen as more appropriate to the cultural atmosphere of their specific territory.

For example, immersed in the grey metropolitan scenarios of the workaholic Lombardia you will find bright examples of italian noir of the early 70s, later turned into the exploitation subgenre known as poliziottesco (I milanesi ammazzano al sabato, which by the way is not the exact title of the movie, is just one of many quotable classics: see also unforgettable masterpieces like Milano calibro 9 or Milano odia: la polizia non può sparare) or several titles referable to the commedia comica tradition (Il ragazzo di campagna with comedian Renato Pozzetto is just one of the many quotable productions: see also the trashy masterpiece Fratelli d’Italia or one of the many movies starring singer Adriano Celentano, such as Lui è peggio di me).

On the other hand, Emilia Romagna, with its endless plains and its decadent moods, blooms with titles by maestros such as Federico Fellini and Bernardo Bertolucci: the first with his oniric and almost mystic approach to reality, obvious in the quoted classic Amarcord; the latter with his majestic fresco of italian history that is Novecento, somehow continuing the realist tradition of early XX century italian literature and the moods of some late neorealist classics (see Il Gattopardo by Luchino Visconti).

Lazio, being the region of political and spiritual power, suffers from a sort of good tempered parochialism, offering more than a title strictly related to the cultural and linguistic features of Rome and its sorrounding: the renowned Marchese del Grillo stands alongside many other historical dramas set in the papal Rome, such as Nell’anno del Signore or In nome del Papa Re, all presenting very strict references to roman dialects and famous roman vernacular poets (Giuseppe Gioacchino Belli and Trilussa above all others); later, neorealism will draw with both hands from the dramatic experience of nazist occupation of Lazio (La ciociara) and from the postbellic and postindustrial despair in the big city (Accattone and Amore Tossico, both starring amateur actors picked up from the streets).

Finally, the harsh and yet amazingly beautiful scenario of Sicilia has inspired movies in which the cultural features of southern Italy are clearly recognizable: the unforgiving presence of traditional family, with its suffocating tentacles, and the women’s role are two main topics in movies such as Divorzio all’italiana and Sedotta e abbandonata, both by Pietro Germi; and yet this accurate analysis of sicilian social structures sometimes leaves room to a more surrealistic approach, such as the one offerd in Totò che visse due volte by Ciprì & Maresco. Interestingly enough, movies about Mafia are not that common, or at least not as much as a foreign viewer might think…

Sorry, Molise and Valle d'Aosta. Your time will come.

Sorry, Molise and Valle d’Aosta. Your time will come.

Read the original article on Kappa Language School’s website.

Tra Roma e il Giappone

Another story From students to students! Today Yogo, a musician from Japan, tells us about his experience in Rome… in his own very peculiar style!

Io sono un musicista Giapponese.
Da lungo tempo volevo venire a Roma.
perché ci sono nato.

Fortunato, dopo 2 settimane che sono arrivato a Fiumicino,
ho potuto avere un concerto.

In quel momento potevo dire solo “Ciao mi chiamo…”
però dopo il concerto, ho sentito le voci
“Braaaaaaaaaavooooooooooo”
“Biiiiiis”

Gli ospiti italiani erano molto calorosi.
Da allora io ho iniziato a frequentare il Pigneto.

Nella discoteca, come sono differenti “Roma” e “Giappone”?

Il cane
A Roma c’è
In Giappone non c’è

I bambini
A Roma ci sono
In Giappone non ci sono

I bambini che fanno i compiti a casa
A Roma ci sono
In Giappone non ci sono

Il ristorante in cui posso mangiare la pasta
A Roma c’è
In Giappone non c’è

Sul palcoscenico, qualcuno legge una bella poesia.
A Roma c’è
In Giappone non c’è

Read the original article on Kappa Language School’s website.

“Forza Lazio” from Mexico!

Third episode of From students to students! Today Teobaldo, from Mexico, writes about his experience in Rome from a very original point of view: the one of a football fan.

Da quando ero piccolo il calcio mi è piaciuto tanto e per logica una delle cose più importanti da fare quando sono arrivato in Italia è stata andare allo stadio per guadare una bella partita del famoso Calcio Italiano. La prima partita che ho avuto la fortuna di assistere è stato il derby romano, Roma vs Lazio. Non avevo idea della rivalità fra queste squadre fino che tante persone mi hanno detto “sei pazzo!!!??? Vuoi morire nello stadio!!!??? Ogni derby muore almeno un tifoso…”.

Teo on the North Stand during the Roma-Lazio derby (final score 2-0... unfortunately!)

Teo on the North Stand during the Roma-Lazio derby (final score 2-0… unfortunately!)

Il mio unico piano dopo questi consigli è stato correre fortissimo per essere puntuale, perché ho avuto ancora più voglia di andare allo stadio. Non so perché ma non mi è mai piaciuta la squadra della Roma (in Messico mi piaceva il Milan) allora ho deciso di andare insieme ai tifosi laziali (ospiti, un po’ più pericoloso ancora). Dal primo momento che sono entrato nello stadio, dopo aver sbagliato l’ingresso e essere entrato insieme ai romanisti, tutto è stato fantastico. Mi ricordo che il settore laziale dietro al goal era vuoto e c’era un cartello che diceva, “finisco la birra e poi entro” e loro sono entrati solo fino dopo iniziata la partita. Questa situazione, tutti i canti laziali (che mi piacciono tanto), e altre cose mi lo ha spiegato più tarde mio professore italiano e grande tifoso laziale Enrico.

Come ho detto prima, mi piacciono tanto i canti negli stadi, e dopo aver guardato lo scontro (non fisico certamente) tra i tifosi nello stadio mi sono innamorato della Lazio e sono diventato con orgoglio un tifoso della Lazio, nonostante abbiamo perso la partita. Dopo questa esperienza sono andato ad altre partite, alcune insieme a Enrico e suoi amici e tutte mi sono piaciute tanto, forse non sono state le migliori partite calcisticamente, ma per me è la combinazione di tutti i fattori (tifosi, amici, canti, birra, parolacce, ambiente, stadio, cibo, ecc.) che hanno reso queste esperienze perfette e indimenticabili.

Read the original article on Kappa Language School’s website.

Da Wenzhou a Roma: l’esperienza di Kai

Second episode of our series From students to students, dedicated to those who have lived (or are living) in Italy, have learned Italian with us and are willing to narrate their experience. Today, Kai from China tells us how it was to follow his parents moving from his city, Wenzhou, to Rome.

Feeling at home thanks to Andy Warhol. :)

Feeling at home thanks to Andy Warhol. 🙂

Sono in questo bel paese da 4 anni. Quando mio padre diceva di portarmi in Italia, ciò che mi sentivo era solo la paura. Per me, una persona che non era mai uscita fuori, manco dalla mia città Wenzhou… e poi dovevo seguire mio padre a venire in Italia. Devo affrontare tutte cose nuove e sconosciute: la cultura , la lingua, l’abitudine, ecc. che sono completamente differenti da quelli in Cina. La base per vivere in Italia è la lingua, e dovevo cominciare dallo zero, non sapevo nemmeno la pronuncia. Questo è solo un’inizio, la grammatica è veramente una sfida, specialmente la coniugazione. Ma grazie agli insegnanti del Kappa Language School, che mi ha aiutato a esplorare un modo che mi sta bene per studiare italiano. Adesso riesco ad affrontare i piccoli problemi della vita. Viva Italia, e studia la lingua alla scuola Kappa!

Read the original article on Kappa Language School’s website.

Roma è la Luce

Our alumna Raquel in front of the Acqua Paola's Fountain, on the Gianicolo Hill.

Our alumna Raquel in front of the Acqua Paola’s Fountain, on the Gianicolo Hill.

This will be the first episode of From students to students, a series of contributions kindly offered by our students, who have been so kind to accept to narrate (in Italian!) their experience in the Eternal City (and at Kappa Language School) in order to give a general idea of how beautiful life can be here and to encourage Italophiles all around the world to undertake this journey.

In this first episode, Raquel, from Spain, has written a few words about her feelings while in Rome.

Read the full article on Kappa Language School’s website.